Spirulina e pressione alta: Cosa dice la ricerca

Spirulina e pressione alta: come il superalimento influisce sull'ipertensione
Spirulina e pressione alta: come il superalimento influisce sull’ipertensione

Se seguite i blog sulla salute, probabilmente vi sarete imbattuti in articoli e video che parlano dei potenziali benefici del consumo di spirulina, un’alga blu-verde. La spirulina è un tipo di microalga che cresce naturalmente nei laghi d’acqua dolce, negli stagni e nelle paludi di tutto il mondo.

Si nutre di fotosintesi e richiede quindi la luce del sole per poterla effettuare. Queste proprietà hanno reso le microalghe un’importante fonte di nutrimento per le persone che vivono in regioni aride o con scarsa vegetazione. In questo articolo esamineremo ciò che la ricerca ha dimostrato sull’impatto del consumo di spirulina sulla pressione sanguigna, nonché i suoi potenziali rischi.

Che cos’è la spirulina?

A differenza della maggior parte delle altre specie di alghe, la spirulina è di colore viola e cresce negli stagni piuttosto che nei mari. È una ricca fonte di proteine, vitamine, minerali e acidi grassi essenziali, che la rendono un eccellente integratore alimentare. È inoltre ricca di antiossidanti, tra cui il betacarotene, il licopene, l’alfa e la beta criptoxantina e la clorofilla.

La spirulina è un tipo di alga blu-verde. Questo tipo di alga è ricca di proteine, vitamine, minerali e antiossidanti e ha molti benefici per la salute. Mentre le alghe blu-verdi sono comunemente consumate nei paesi asiatici, la spirulina è un prodotto interamente occidentale.

Si dovrebbe mangiare spirulina per abbassare la pressione sanguigna?

Un altro grande vantaggio del consumo di spirulina è che può aiutare a tenere bassa la pressione sanguigna. Sebbene molti esperti di salute raccomandino alle persone con pressione alta di evitare il sodio, il problema è che anche riduzioni modeste dell’assunzione di sodio (o di altri nutrienti) non sono sufficienti a influenzare significativamente la pressione sanguigna.

Molti medici ritengono che il consumo di un’ampia varietà di alimenti sia l’approccio migliore per abbassare la pressione sanguigna. Questo perché il corpo umano è molto bravo ad adattarsi a determinati cambiamenti, in modo da mantenere rapidamente gli effetti desiderati.

In effetti, gli esperti hanno riscontrato che la maggior parte degli studi sulle diete ha un tasso di successo molto basso, circa il 5%. La riduzione del sodio è uno dei fattori principali su cui si è cercato di intervenire in passato, ma oggi è sempre più diffusa l’opinione che la riduzione dell’apporto di sodio sia di utilità limitata.

Il consumo di spirulina influisce sulla pressione sanguigna?

I ricercatori hanno condotto molti studi per indagare la relazione tra spirulina e pressione alta. I risultati sono stati contrastanti:

  • Alcuni studi hanno suggerito che il consumo di spirulina può abbassare la pressione sanguigna
  • Altri hanno rilevato che non ha alcun effetto

Ci sono diverse possibili spiegazioni per queste discrepanze. In primo luogo, è possibile che la dieta non contenga un numero sufficiente di nutrienti per influire sulla pressione sanguigna. In secondo luogo, è possibile che solo alcune persone siano in grado di metabolizzare i nutrienti presenti nelle alghe e che quindi non tutti rispondano a tali sostanze.

In terzo luogo, anche altri fattori (come la dieta, l’esercizio fisico, l’età e la genetica) potrebbero influire sulla pressione sanguigna. Va inoltre sottolineato che molti studi sono stati condotti sui ratti e non tutti i risultati possono essere facilmente applicati alla pressione sanguigna umana.

Le prove finora raccolte: pro e contro

Come si può vedere, ci sono molte prove sui potenziali benefici del consumo di spirulina, ma le prove sulla pressione sanguigna sono meno consistenti. Il messaggio principale è che la spirulina è ottima per la salute e può migliorare molte condizioni, tra cui stress, affaticamento, pressione alta, diabete, perdita di peso, ecc.

È importante consumarla nell’ambito di una dieta sana ed equilibrata. Tuttavia, non è necessario ridurre il sale, l’esercizio fisico o altre abitudini salutari per trarne beneficio. Sono stati condotti molti studi sulla spirulina e la maggior parte di essi ha riscontrato alcuni effetti benefici come:

  • La spirulina contiene molti nutrienti ed è una buona fonte di proteine, vitamine e minerali, che la rendono un eccellente integratore alimentare.
  • Contiene beta-carotene, licopene, alfa e beta-criptoxantina, clorofilla e molti altri antiossidanti. Questi antiossidanti possono proteggere l’organismo da alcune malattie, come l’infarto, il cancro e il diabete.
  • Le alghe blu-verdi contengono anche clorofilla, che è una sostanza naturale antinfiammatoria e anti-invecchiamento. La clorofilla può avere proprietà antiobesità, contribuire a mantenere sana la pressione sanguigna e ridurre lo stress.
  • Diversi studi hanno dimostrato che l’integrazione di spirulina aumenta i livelli di energia e riduce la stanchezza.
  • In uno studio, le persone con pressione alta che hanno assunto 2 grammi di spirulina al giorno hanno mostrato una significativa riduzione della pressione sanguigna.
  • Un altro studio ha esaminato gli effetti dell’integrazione di spirulina sulla perdita di peso in persone affette da obesità; è emerso che l’alga blu ha ridotto il peso corporeo e la massa grassa.

Riepilogo

Nel complesso, le prove suggeriscono che la spirulina è un ottimo integratore alimentare che può anche aiutare a mantenere una pressione sanguigna sana. Tuttavia, le prove relative all’impatto sulla pressione sanguigna non sono conclusive e sono necessarie ulteriori ricerche. Se volete provare, consumate una porzione di spirulina al giorno, nell’ambito di una dieta sana. Ricordate che la pressione arteriosa è un problema complesso e che ci vorrà del tempo prima che il vostro corpo si adatti a qualsiasi cambiamento nella vostra dieta.

Condividilo con i tuoi amici!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.