Spirulina e cancro al seno: Cosa dice la ricerca

Spirulina e cancro al seno: Cosa dice la ricerca
Spirulina e tumore al seno: Cosa dice la ricerca

 

Il tumore fa paura (per una buona ragione) e in questo articolo parliamo della spirulina e cancro al seno. Quest’ultima, è una malattia che può colpire le donne in qualsiasi momento. Purtroppo esistono molti altri diversi tipi di cancro, è difficile sapere quali sono i più comuni e come possiamo proteggerci al meglio dallo sviluppo di un tumore in futuro.

Fortunatamente esistono molti modi per ridurre il rischio di ammalarsi di cancro. La riduzione del rischio di tumori specifici dipende in gran parte da ciò che si mette nel piatto (alimentazione) piuttosto che dai farmaci assunti o da altri fattori legati allo stile di vita, come il fumo e l’assunzione di alcol. Le potenziali proprietà antitumorali della spirulina sono state ben documentate. Vediamo più da vicino in che modo quest’alga blu-verde può aiutare a prevenire o a gestire il cancro al seno.

Che cos’è la spirulina?

La spirulina è un’alga blu-verde originaria delle regioni tropicali e subtropicali del mondo. Si trova in laghi d’acqua dolce, stagni e paludi, oltre che nel terreno immediatamente circostante. La specie più comune di spirulina è Arthonas nigrans, che si trova nel bacino amazzonico del Sud America. Tuttavia, altre specie sono state coltivate e ora sono considerate spirulina.

Esistono molte specie diverse di alghe blu-verdi, tutte definite alghe. Le alghe sono organismi non fotosintetici che contengono clorofilla e crescono in acqua dolce. Non sono piante e non sono correlate alle alghe. Le alghe blu-verdi non sono alghe nel senso di piante, ma sono alghe nel senso di alghe blu-verdi. Vediamo ora il rapporto tra spirulina e cancro al seno, con annessi benefici.

Perché la spirulina fa bene alla salute?

L’alga spirulina è un’ottima fonte di proteine e di vitamine del gruppo B, ma non è solo un integratore di nutrienti. In studi condotti sull’uomo, è stato riscontrato che le proteine presenti nella spirulina sono molto simili a quelle del latte materno e rappresentano una buona fonte per i neonati.

È anche molto ricca di acidi grassi essenziali, in particolare di acido linoleico e alfa-linolenico, che sono acidi grassi essenziali. Questi e altri nutrienti presenti nella spirulina hanno dimostrato di poter migliorare l’immunità, l’umore e ridurre le probabilità di sviluppare malattie cardiache, diabete e cancro alla prostata e al colon.

Spirulina e cancro al seno: prevenzione

Le potenziali proprietà antitumorali di quest’alga blu-verde sono ben documentate. Diversi studi hanno infatti dimostrato che l’alga è un promettente integratore alimentare per le donne a rischio di sviluppare il cancro al seno. Come fa l’alga a prevenire il cancro al seno? Un modo in cui la spirulina può aiutare a prevenire il cancro al seno è ridurre l’infiammazione nell’organismo.

È ormai assodato che l’infiammazione è spesso un precursore del cancro. Livelli elevati di infiammazione possono anche essere collegati ai cambiamenti ormonali causati dalla durata di vita tipica di una donna e dalla menopausa, oltre che da un cambiamento nella dieta. Durante queste fasi della vita, il metabolismo di una donna può cambiare, aumentando il rischio di sviluppare alcune malattie, come quelle cardiache, il diabete e il cancro al seno.

Spirulina e cancro al seno: il trattamento

Alcuni studi hanno dimostrato che il consumo di spirulina può ridurre la quantità di chemioterapia somministrata alle donne affette da cancro al seno. Il motivo è che la spirulina produce nel tratto digestivo un composto chiamato alloxan che si è scoperto essere in grado di uccidere alcuni tipi di cellule cancerose.

In uno studio, alle donne con cancro al seno che hanno assunto una combinazione di chemioterapia ad alte dosi per una settimana sono state somministrate compresse di spirulina per quattro settimane. I risultati hanno indicato che le donne avevano ridotto i livelli di alcune sostanze chimiche tossiche nel sangue, il che indicava che il trattamento aveva funzionato.

Un altro studio ha esaminato come il trattamento di donne con cancro al seno con una combinazione di chemioterapia ad alte dosi per due settimane abbia ridotto i livelli di un composto chiamato 8-idrossi-2-deossiguanosina (8-OH-dG), il che indica che il trattamento ha funzionato.

Gestire gli effetti collaterali del trattamento del tumore al seno con la spirulina

I ricercatori stanno sempre più studiando l’uso di integratori naturali per gestire gli effetti collaterali del trattamento del cancro. Per esempio, uno studio ha rilevato che l’integrazione con una proteina presente nella spirulina (Arthrospira platensis) ha ridotto l’affaticamento delle donne durante la chemioterapia.

Ciò potrebbe consentire alle donne di concentrarsi meglio sul trattamento e di recuperare più rapidamente dopo la terapia. In un altro studio, i ricercatori hanno esaminato come il consumo di una proteina contenuta nella spirulina (Arthrospira platensis) abbia ridotto la nausea delle donne dopo la chemioterapia. Questo è il rapporto comprovato tra spirulina e cancro al seno.

Condividilo con i tuoi amici!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.